giovedì 13 aprile 2017

Parto con epidurale: un diritto o un capriccio?

http://www.cosedamamme.it/wp-content/uploads/2014/12/epidurale-copia.jpg
Disegno di Silvia Lonardo

Riemergo dal mio silenzio di mesi, un silenzio che non ho programmato, ma che è successo perché di scrivere bisogna aver tempo e voglia, riemergo, dicevo, per parlare di un tema che mi sta molto a cuore.
E' infatti notizia di questi giorni che finalmente anche a Sassari sarà possibile partorire con epidurale, anche nella struttura pubblica, anche se non si frequentano anestesisti o non si conosce qualcuno di "influente".
Una notizia che dovrebbe essere accolta con giubilo ed entusiasmo, ma che, come spesso succede nel mondo delle donne e delle mamme, ha subito dato vita a dibattiti, discussioni, conflitti.

Basta un attimo e ci sono già le fazioni pro e contro che affilano le armi, come se il diritto di fare l'epidurale ledesse in qualche modo quello di non farla.

lunedì 28 novembre 2016

Capricci, capricci e solo capricci


Mamme e babbi, vi voglio tutti a rapporto.
Montessoriani, steineriani, vecchio stampo e chi più ne ha più ne metta, venite qui, al mio cospetto.
La questione è seria ed urgente: mia figlia sta diventando prepotente e ha sviluppato un esasperato concetto del possesso, ma soprattutto quando ci si mette è capace di piazzare dei capricci da campionessa del mondo.

venerdì 16 settembre 2016

L'estate a due anni (e pure a 37)



L'estate a due anni (e poco più) è un concentrato di esperienze, avventure, nuove abitudini, concessioni e piccoli vizi.
Nel caso della Piccola I. significa andare al mare, viaggiare, stare scalza tutto il giorno, dormire tutti insieme dai nonni, fare le ore piccole, mangiare vagonate di gelati, pizzette o patatine fritte, fare tanta vita sociale e spararsi ore ed ore di altalena e scivolo al parco giochi.
Per la Piccola I. significa passare finalmente del tempo con i suoi genitori senza orari, appuntamenti, asili o scadenze. E di questo, lo abbiamo capito, ne abbiamo bisogno tutti, noi e lei.

martedì 2 agosto 2016

Madre degenere - Capitolo primo



Prima che iniziate a leggere, a commentare, a sbuffare, a lamentarvi, lo dico subito: si fa per scherzare.
Le madri degeneri sono altre e no, non credo di meritare una segnalazione ai servizi sociali.
Però oggi sono in vena di sincerità e dopo un fine settimana in cui mia figlia ha mangiato più cracker che qualsiasi altro cibo, mi sento di dichiarare senza pudore che sono una madre degenere.